About Roberto

Mi chiamo Roberto Lucchi e sono nato nel non così lontano 1995.

Mi definisco un creativo in generale ma su carta sono un cappellaio (matto... come tutti!).

Amo tutto ciò che cerca di trasmettere un'emozione ma soprattutto le forme più spontanee di questo.

 

STORIA:

Dopo il diploma da geometra spaziai tra diverse facoltà universitarie (scienze motorie, economia, musica) e tra diversi lavori in maniera apparentemente casuale, ricercando me stesso ed un modo per esprimere il mio mondo creativo.

L’ indecisa strada cercava inconsciamente un punto in comune tra le arti approfondite in precedenza: un qualcosa che riuscisse ad esprimere la sua creatività, armonizzando i tratti corporei... che potesse essere creare economia e che fosse un punto di contatto fra l’arte ed il pubblico, il sé e gli altri, fra sé e sé. Tutto ciò rispondendo ad una domanda che tutti noi abbiamo dentro:

Come posso distinguermi in una società che tende all’omologazione?

E proprio il cappello fu la risposta a questa domanda: avevo notato come questo fosse l'unico accessorio capace di trasmettere una sensazione di "curiosità" al primo sguardo... come se fosse il biglietto da visita di un animo artistico.

Nel 2017, spinto da un’insaziabile curiosità verso il mondo del cappello e motivato dall'impossibilità di trovare servizi su misura per questo accessorio, partii verso i borghi della Toscana alla ricerca dei segreti del mestiere del cappellaio. Nel mio bagaglio: solo qualche informazione di base sul processo di creazione del cappello recuperata su forum americani e internet più in generale

Dopo giorni di incessante ricerca, una serie di fortunati incontri mi condussero in un antico cappellificio dismesso nelle campagne fiorentine che cessò la propria attività ancora prima del passaggio a strumenti di “stampaggio” più moderni.

Osservando quel mondo in estinzione, toccando con mano affascinanti attrezzature storiche in legno e ghisa, la mia curiosità si trasformò in una passione sfrenata.

Da quel giorno cercai di apprendere le tecniche tradizionali dai maestri artigiani che andai scovando per la mia strada recuperando le antiche strumentazioni in disuso, iniziando così una produzione manuale di cappelli artigianali.

“Hats & Art” vuole, nel suo piccolo, fare un cambio di marcia rispetto alla direzione consumistica della società, offrendo un servizio ed un prodotto unico nel suo genere insieme all’ambizioso scopo, più lungimirante, di diventare il brand di riferimento d’eccellenza per quanto riguarda il cappello artigianale in Italia.